Residenza d’Artista 2015: Jonathan Monk

0 Posted by - 2 Giugno 2015 - ceramica contemporanea

museo carlo zauli
RESIDENZA D’ARTISTA
12° edizione
ceramica nell’arte contemporanea

JONATHAN MONK
a cura di Guido Molinari

giugno / ottobre 2015

Il Museo Carlo Zauli è lieto di annunciare l’arrivo in residenza dell’artista inglese Jonathan Monk, a Faenza dal 22 giugno per la 12ma edizione del suo progetto curatoriale finalizzato alla produzione contemporanea di opere in ceramica.

L’artista rimarrà a Faenza fino al 24 giugno per impostare il proprio progetto, per poi tornare nei prossimi mesi e intervenire nelle fasi produttive portate avanti da Aida Bertozzi, già assistente di Carlo Zauli e ora responsabile tecnico del museo dal 2009. La residenza terminerà in ottobre per la restituzione dell’esperienza al pubblico, evento concepito insieme all’artista e totalmente frutto della sperimentazione vissuta sul territorio, in un momento espositivo spesso realizzato in luoghi inconsueti della città.

Il museo nasce dalla trasformazione dell’atelier dello scultore Carlo Zauli in un contenitore dedicato ai linguaggi contemporanei basato su due parole chiave che ne hanno caratterizzato l’esistenza fin dal 1949: incontro e sperimentazione. Ispirandosi alle parole di Carlo Zauli, che scrisse di essere diventato davvero lo scultore che conosciamo dopo aver frequentato alcuni artisti importanti, come Lucio Fontana, Leoncillo o Alberto Burri, Residenza d’Artista crea occasioni di scambio e conoscenza fra l’ospite invitato, che non conosce normalmente il territorio e il materiale, gli artisti locali, gli artigiani, gli studenti, e tutta la città attraverso modalità che vanno dalla mostra, ai talk o laboratori, passando da cineforum a incursioni in spazi sconosciuti.

jonathan_monk_web

Residenza d’Artista è ogni volta un’avventura sperimentale: un team di persone che mai si sono incontrate prima si cimenta in un processo creativo guidato da un artista che non conosce le regole e ceramiche, con esiti sempre unici e sorprendenti dal punto di vista artistico, tecnico e relazionale.

Dal 2003 Residenza d’Artista ha contribuito alla diffusione del mezzo ceramico fra gli artisti contemporanei attraverso lavori realizzati ed esposti in contesti internazionali. Ha portato inoltre alla creazione di una collezione che affianca quella dedicata a Zauli all’interno del museo, esposta per la prima volta nel 2014 occasione di una mostra collettiva presso Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia.

Come in ogni edizione viene offerta la possibilità agli studenti di vivere in prima persona l’esperienza: saranno alcuni ragazzi selezionati delle Accademie di Bologna e Ravenna a seguire Jonathan Monk, all’interno del progetto Corso per Curatori, che da tre anni forma attraverso una esperienza sul campo i giovani interessati a questo percorso di studio.

Open studio: mercoledì 24 giugno h 11.00

Jonathan Monk e’ nato a Leicester nel 1969 e vive e lavora a Berlino. Ha conseguito il BFA al Leicester Polytechnic (1988) e il MFA alla Glasgow School of Art (1991). Fra le mostre personali segnaliamo Centro De Arte Contemporáneo (CAC) Málaga (2013), Kunstraum Dornbirn, Austria (2013), Palais de Tokyo and Musee d’Art Moderne, Paris (2008), Kunstverein Hannover (2006), Institute of Contemporary Art, London (2005) and Museum Kunst Palast, Dusseldorf (2003). Il suo lavoro e’ stato incluso in molte collettive, tra cui Whitney Biennial (2006), la 50ma e 53ma Biennale di Venezia (2003, 2009), Berlin Biennale (2001) e Taipei Biennial (2000). Ha ricevuto il Prix du Quartier Des Bains, Geneva in 2012.

Per approfondimenti sull’artista vi rimandiamo al sito di Lisson Gallery.

Residenza d’Artista e’ un progetto Museo Carlo Zauli

realizzato con il sostegno di:
Comune di Faenza
Banca di Romagna Gruppo Cassa di Risparmio di Cesena
Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna
Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza

in collaborazione con:
Accademia di Belle Arti di Bologna
Accademia di Belle Arti di Ravenna


nelle foto:

Jonathan Monk al Museo Carlo Zauli – foto MCZ
All the possible combinations of twelve lights lighting (one at a time) – 
Macro Roma 2015

 

 

scarica il  comunicato stampa in italiano e in inglese

 

 

 

No comments

Leave a reply